Italiano - Capitolo 6 Donna Rissosa

— Capitolo 6

Donna Rissosa



“Un gocciolare continuo in giorno di gran pioggia e una donna rissosa sono cose che si somigliano. Chi la vuol trattenere vuole trattenere il vento, e stringere l’olio nella sua destra” (Proverbi 27:15-16).

Chiedi a te stessa: “Sono una donna rissosa?”

Forse per te è difficile dare una risposta a questa domanda, perchè tu non sai cosa sia esattamente essere una donna rissosa. Secondo l'interpretazione di Strong la parola rissa significa: disputa, rissa, contesa, uno spirito litigioso, di discussione. Le conversazioni con tuo marito sfociano spesso, o anche qualche volta, in un litigio per vedere chi di voi due vince sull'altro o chi riesce a far sì che le cose vengano fatte secondo i propri desiseri? Sei tu a vincere molte volte? Permettimi di dirti che io ero una donna rissosa e vincevo spesso, la maggior parte delle volte, ma in realtà avevo perso perché la mia non era una vittoria ma bensì una sconfitta! Avevo perso mio marito e la nostra famiglia!

Litighi con tuo marito? “Cominciare una contesa è dar la stura all’acqua; perciò ritirati prima che la lite s’inasprisca” (Proverbi 17:14). Nonostante il mondo e i cosidetti esperti in matrimonio, ci dicano che un buon litigio è in realtà positivo per il matrimonio, tu non crederci! Litigare DISTRUGGERÀ il tuo matrimonio!

Ci sono contese nella tua casa? “È meglio un tozzo di pane secco con la pace, che una casa piena di carni con la discordia” (Proverbi 17:1). Sei tu la donna dolce e pacifica di cui parla 1 Pietro 3:4, che è di gran valore agli occhi di Dio? I tuoi figli sono irrequieti? Leggi Osea 4:6.

Hai uno spirito litigioso? “Evita inoltre le dispute stolte e insensate, sapendo che generano contese. Il servo del Signore non deve litigare, ma deve essere mite con tutti, capace di insegnare, paziente” (2 Timoteo 2:23). Sei una “saputella”? O sei semplicemente una donna che ha sempre da ridire su tutto ciò che dice suo marito? Dio ci dice: “Fa presto amichevole accordo con il tuo avversario, mentre sei ancora per via con lui, affinché il tuo avversario non ti consegni in mano al giudice e il giudice in mano alle guardie, e tu non venga messo in prigione” (Matteo 5:25). Stai lontana dal  tribunale di divorzio!

Sei una donna che contraddice sempre? “Esorta i servi a essere sottomessi ai loro padroni, a compiacerli in ogni cosa, a non contraddirli” (Tito 2:9). Sei tu una schiava di Gesù Cristo? Sei stata comprata da Lui a caro prezzo? Allora devi piacergli in ogni cosa, perché è a Lui che devi la tua salvezza. Ora che abbiamo visto cosa significa essere rissosa, notiamo che la Parola di Dio menziona cinque volte come sia terribile essere una  moglie rissosa. Esaminiamole.

 Una moglie rissosa

Donna rissosa. Hai mai avuto un lavandino che perdeva acqua e ti faceva diventare pazza? “[…] Le risse di una moglie sono il gocciolare continuo di un tetto” (Proverbi 19:13). Alcune volte c'è bisogno che qualcuno  ripari questa perdita di acqua, questo gocciolare, (forse un amico o uno dei suoceri) affinché tuo marito si renda conto che c'è questo gocciolio, ma, quando lo noterà, sarà capace di sentire solo quello e ninte altro! Ti sei mai chiesta perché gli uomini vanno via di casa e molto spesso con un'altra donna? Proverbi 21:9 dice che questo accade  perché è “meglio abitare sul canto di un tetto, che in una gran casa con una moglie rissosa”.

Donna rissosa e stizzosa. Ripeto, un uomo preferirebbe abitare senza acqua nel caldo di un deserto, che con una moglie che continuamente sfida lui e la sua autorità di marito. “Meglio abitare in un deserto, che con una donna rissosa e stizzosa” (Proverbi 21:19). Dio sottolinea questo versetto al punto tale che lo ripete due volte nello stesso capitolo (e anche in altri capitoli del libro dei Proverbi). Stai ascoltando? “Meglio abitare sul canto di un tetto, che in una gran casa con una moglie rissosa”.

Un gocciolare continuo. Dio paragona la donna rissosa, che quasi sicuramente è la causa per la quale un uomo va' via di casa, ad un gocciolare continuo? Perché l’uomo  semplicemente non ripara il gocciolare? Perché Dio dice che è impossibile! “Un gocciolare continuo in giorno di gran pioggia e una donna rissosa sono cose che si somigliano. Chi la vuol trattenere vuole trattenere il vento, e stringere l’olio nella sua destra” (Proverbi 27:15-16).

Essendo sottomessa

Molte delle tue contese probabilmente provengono dalle tua convinzione nel credere che il matrimonio sia una società. Io ero convinta che fosse così e solo dopo ho scoperto che non era vero! Invece, Dio ha dato nella famiglia, insieme al resto della creazione, ruoli diversi ai suoi componenti e gradi di autorità diversi. I nostri mariti hanno autorità su di noi. È molto importante che tu capisca questo. “Ma voglio che sappiate che il capo di ogni uomo è Cristo, che il capo della donna è l’uomo, e che il capo di Cristo è Dio” (1Corinzi 11:3). “Ora come la chiesa è sottomessa a Cristo, cosi anche le mogli devono essere sottomesse ai loro mariti in ogni cosa” (Efesini 5:24).

Cosa significa sottomissione o essere sottomessa? Significa ubbidire senza parola, anche se nostro marito non è ubbidisce alla Parola di Dio. Essere sottomessa significa non reagire a un oltraggio con un altro oltraggio  e non minacciare. 1 Pietro 3:9 dice: “Non rendete male per male, od oltraggio per oltraggio, ma, al contrario, benedite […]”  “Ma al contrario benedite” vuol dire rispondere ad un oltraggio ricevuto con una buona parola o avendo una buona condotta:  “Quando avrà considerato la vostra condotta casta e rispettosa” (1 Pietro 3:2).

La sottomissione è applicabile ancora oggi? “Gesù Cristo è lo stesso ieri, oggi e in eterno” (Ebrei 13:8). In Matteo 5:18 Gesù dice: “Poiché in verità vi dico: finché non siano passati il cielo e la terra, neppure un iota o un apice della legge passerà senza che tutto sia adempiuto”.

Cristo è il capo di tutti gli uomini. Come possiamo essere sicure che come Dio è capo su Gesù, mio marito (che lui sia un credente o meno) lo è su di me? “Ma voglio che sappiate che il capo di ogni uomo è Cristo, che il capo della donna è l’uomo, e che il capo di Cristo è Dio” (1 Corinzi 11:3).

Condotta rispettosa. Ora che sappiamo con certezza che Dio dice questo a tutte le mogli, Lui cosa ci comanda di fare? “Anche voi mogli, siate sottomesse ai vostri mariti perché, se anche ve ne sono che non ubbidiscono alla parola, siano guadagnati, senza parola, dalla condotta delle loro mogli, quando avranno considerato la vostra condotta casta e rispettosa” (1 Pietro 3:1-2).

Essendo sottomesse. “Mogli siate sottomesse ai vostri mariti, come al Signore; il marito infatti è capo della moglie, come anche Cristo è capo della chiesa, lui, che è il Salvatore del corpo. Ora come la chiesa è sottomessa a Cristo, così anche le mogli devono essere sottomesse ai loro mariti in ogni cosa” (Efesini 5:24).

Questo passo ci dice che il rapporto che abbiamo con i nostri mariti deve essere lo stesso rapporto che c'è tra  Cristo e la Chiesa. Non è triste che molte chiese non si sottomettono a Cristo e ai suoi insegnamenti, proprio come tante mogli non si sottomettono ai loro mariti? C'è qualche collegamento tra questi due esempi?

Donne sante. Qual è la nostra speranza se siamo sottomesse? “Così infatti si ornavano una volta le sante donne che speravano in Dio, restando sottomesse ai loro mariti” (1 Pietro 3:5). La nostra speranza e fiducia sono solo in Dio.

Protettore. Quando noi donne siamo talmente autonome da proteggerci da sole, perché sicure di essere in grado di “combattere le nostre battaglie”, stiamo facendo capire ai nostri mariti che non abbiamo bisogno di loro? Sei stata tu a mandare via il venditore che era venuto a casa tua, anche se tuo marito aveva fatto una scelta giusta, decidendo con buon gusto? Tuo marito ha smesso di proteggerti perché eri sempre tu che comandavi? In casa tua, chi portava i pantaloni? Chi era il più forte? Quando tuo marito ti dava dei consigli, per esempio prendi le cose con più calma o stai tranquilla, tu gli rispondevi che doveva preoccuparsi dei suoi problemi e non dei tuoi, o addirittura gli dicevi cose ancora peggiori? Invece proteggere la propria moglie e i propri figli è proprio qualcosa che compete al marito! Come ha reagito tuo marito vedendo che tu continuavi a tenere il comando  e a occuparti di tutto? Inizialmente ha sopportato perché non voleva litigare continuamente; poi ha lasciato la casa dove c'era questo “gocciolare continuo” e dopo ha trovato  un’altra donna a cui dare il suo affetto! Se, nonostante tutto questo, tu  continui a essere una donna rissosa, puoi essere certa che quando lui si troverà nei pressi di casa tua o ti chiamerà, o quando ti scriverà una e-mail, si ricorderà il motivo per il quale è andato via di casa e continuerà a volerne stare  lontano.

Tu dovrai essere una donna “totalmente trasformata a immagine di Dio”, quando Lui, rispondendo alle tue preghiere, spingerà tuo marito a venire da te per la prima volta dopo tanto tempo. Se a tuo marito piacerà ciò che vedrà in te e che sentirà da te, lui tornerà di nuovo per vederti. È questo ciò che porta la restaurazione. Se Dio cambia il suo cuore, ma poi tuo marito, per sua propria volontà, deciderà di tornare indietro perché non ha trovato in te nessun tipo di cambiamento, a quel punto tu non dare la colpa a Dio.

 La radice della contesa...alta autostima!

Qual è stata la causa per cui molte donne sono diventate rissose?

Noi donne cristiane siamo rissosse perché imitiamo il mondo e anche il suo modo di pensare. I libri che leggiamo, i consulenti a cui ci rivolgiamo e gli studi che seguiamo non riflettono la Parola di Dio, che è pura e senza compromessi. La maggior parte delle donne cristiane sono influenzate molto dalla psicologia.

Il veleno ricoperto di cioccolato continua a essere veleno!

Mie care sorelle in Cristo, la psicologia è ancora più pericolosa quando è travestita da cristianesimo, perché ce la mangiamo proprio tutta! Ci hanno fatto il lavaggio del cervello facendoci credere che “l’amor proprio” e l'“autostima” sono delle cose buone, ma in realtà questi sentimenti non sono altro che vero e proprio ORGOGLIO! Questo fu il peccato che portò  Lucifero a diventare Satana!

La donna rissosa e orgogliosa e “saputella” è la donna che litiga e vuole che ogni cosa sia fatta secondo il suo modo di pensare, perché lei “crede” di essere nel giusto. E quando sta male, la sua autostima deve essere preservata. Non pronuncia mai una parola con umiltà, tantomeno dice: “Mi dispiace, ho sbagliato”. La donna rissosa è convinta che chiedere scusa è troppo umiliante.

Il nostro orgoglio diventa giustizia propria e questo è anche il motivo per cui molte donne rivelano i peccati dei loro mariti, ossia perchè loro non riescono a vedere i propri peccati!

Come liberare te stessa della contesa e dalla giustizia propria

Se confessiamo. Come si può ben capire, vivere con una donna rissosa, che fa affidamento  nella propria giustizia, non è niente di meno di un incubo non solo per i mariti, ma anche per i figli. Preghiamo e chiediamo perdono a Dio. Cerchiamo la sua grazia e il suo aiuto per poter diventare donne amabili e silenziose, che sono preziose ai suoi occhi. “Se confessiamo i nostri peccati, egli è fedele e giusto da perdonarci i peccati e purificarci da ogni iniquità” (1 Giovanni 1:9).

Confessa. Quando tuo marito rientra dal lavoro e viene a farti visita a casa, chiedigli perdono per esserti comportata come una donna rissosa e per tutte le volte che hai cercato la tua propria giustizia. Se tu non hai più alcun tipo di contatto con tuo marito, allora prega per avere l'opportunità di dirgli questa cose al telefono o di persona. (Per favore, non lo chiamare!) “Confessate dunque i vostri peccati gli uni agli altri, pregate gli uni per gli altri affinché siate guariti, la preghiera del giusto ha una grande efficacia” (Giacomo 5:16).

Quando confesserai i tuoi errori a tuo marito, non  prolungarti con le parole facendo un “piccolo discorso”. Digli solamente che Dio ti ha convinta, mostrandoti che tu eri una donna rissosa e la causa di questo tuo atteggiamento era sia l'orgoglio che la troppa sicurezza nella tua propria giustizia. Digli che, con l’aiuto del Signore, stai pregando perché vuoi che il tuo comportamento cambi.

Salutalo con un bacio e vai via o, se gli stai parlando al telefono, digli ciao e riattacca! Dopo aver fatto questo, confessa i tuoi errori anche ai tuoi figli e spiega loro come Dio ti aiuterà a cambiare attraverso l’umiltà. Troppe  volte i tuoi figli vedono o sentono parlare del peccato del proprio padre, ma è importante che loro comprendano che la separazione o il divorzio non è stata soltanto per colpa di uno solo.

Prima riconciliati. Se tu non ti senti “spinta” a fare tutto questo, allora non andare in chiesa.

“Se dunque tu stai per offrire la tua offerta sull’altare e lì ti ricordi che tuo fratello ha qualcosa contro di te, lascia lì la tua offerta davanti all’altare, e và prima a riconciliarti con tuo fratello, poi vieni a offrire la tua offerta” (Matteo 5:23-24).

Grazia agli umili. Sii sicura di essere veramente umile, non essere orgogliosa di dire facilmente che sei una donna rissosa. “[...] Dio resiste ai superbi ma dà grazia agli umili. Umiliatevi dunque sotto la potente mano di Dio, affinché egli vi innalzi a suo tempo” (1 Pietro 5:5-6).

Qui c'è la ricetta medica di Dio. “Quando giunsero a Mara, non potevano bere l’acqua di Mara, perché era amara; perciò quel luogo fu chiamato Mara” (Esodo 15:23). Mosè gettò un pezzo di legno nell'acqua, che  simboleggia la croce. Allo stesso modo anche tu devi gettare la croce nel mare della tua amarezza. Cristo è morto per liberarti da tutti i tuoi peccati, incluso le tue discussioni rissose e orgogliose e la tua condotta incentrata in te stessa. Dio ci ha detto che se ci umiliamo, cerchiamo la sua faccia e torniamo dalle nostre vie malvagie, allora Lui ci guarirà. Invece noi “seguiamo i consigli degli empi” (Salmo1:1) e siamo “uomini che confidiamo negli uomini” (Geremia 17:5), per questo ora stiamo seguendo  le conseguenze di una guarigione superficiale! “Essi curano alla leggera la piaga del mio popolo [...]” (Geremia 8:11). “Essi curano alla leggera la piaga del mio popolo; dicono:«Pace, pace, mentre pace non c’è»” (Geremia 6:14).

Invece noi dobbiamo morire a noi stessi. “E ch’egli morì per tutti, affinché quelli che vivono non vivano più per sé stessi, ma per colui che è morto e risuscitato per loro” (2 Corinzi 5:15).

Gesù deve essere il nostro esempio. Sempre, in tutte le cose, noi dobbiamo imitare  il modo in cui Lui camminò sulla terra. “Abbiate in voi lo stesso sentimento che è stato anche in Cristo Gesù (umiltà), il quale, pur essendo in forma di Dio, non considerò l’essere uguale a Dio qualcosa a cui aggrapparsi gelosamente, ma spogliò sé stesso […] facendosi ubbidiente fino alla morte, e alla morte di croce!” (Filippesi 2:6-8)

Compromesso personale: considerare gli altri più importanti di me stessa, abbandonando il mio attegiamento da donna rissosa e orgogliosa. “Attenendomi a ciò che ho imparato della Parola di Dio, mi impegno a rinnovare la mia mente, a mettere in pratica la Parola essendo umile e abbandonando  il mio attaggiamento rissoso. Mi impegno a dividere la zizzania (psicologia) dal grano (Parola di Dio) e a vivere esclusivamente in accordo con la Parola di Dio”.


Data: __________ Firma: ______________________