Italiano - Capitolo 3 Abbi Fede

— Capitolo 3

Abbi Fede


“Gesù rispose e disse loro: «Abbiate fede in Dio!»” (Marco 11:22).



Tu hai fede o paura?

La paura sarà uno dei combattimenti che tu dovrai vincere.

Romani 12:21 ci dice: “Non lasciarti vincere dal male, ma vinci il male con il bene”.

La paura ruberà la tua fede e ti renderà vulnerabile di fronte al nemico. Quando darai ascolto a ciò che ti dicono gli altri riguardo tuo marito, a come si sta comportando, invece di tenere gli occhi sul Signore e sulla sua Parola, così facendo smetterai di focalizzarti in Lui e comincerai ad affondare!

Tu devi dire sempre la “verità” a tutti, dichiarando la tua fede nel potere di Dio, e nel suo desiderio, di restaurare il tuo matrimonio. Ancora una volta leggi le testimonianze di matrimoni restaurati, e CREDI che il tuo si aggiungerà ad essi!

Un esempio di fede, Pietro. Leggi ciò che Pietro dice in Matteo 14, iniziando dal versetto 22. Gesù chiese a Pietro di camminare sull'acqua. Se Lui ti stesse chiedendo di camminare sull'acqua,  tu usciresti dalla barca? Osserva come Pietro grida a Gesù (dobbiamo sempre vedere subito cosa dice la Parola di Dio). Gesù subito parlò loro, dicendo di avere coraggio. Quando dopo Pietro cominciò ad affondare, gridò al Signore: “Subito Gesù stesa la mano, lo afferrò…” (Matteo 14:31).

Paura. Una domanda che dobbiamo porci è perchè Pietro stava affondando? “Ma, vedendo il vento, ebbe paura”. Se guardi la tua situazione e la battaglia che infuria, affonderai! Pietro distolse lo sguardo dal Signore e il risultato fu la paura! La Parola di Dio dice che Pietro “ebbe paura”. Se tu distogli lo sguardo dal Signore, avrai paura.

Invece di avere paura, guarda Gesù e INNALZATI al di sopra della tua tormenta. Quando un aereo si trova nel bel mezzo di una tempesta, mentre sorvola le nuvole incontra delle turbolenze. Ma una volta che l’aereo è al di sopra di queste nuvole nere, il viaggio diventa di nuovo tranquillo, il sole brilla e puoi quasi sentire e vedere Dio lì con te! Come per incanto, riesci a vedere le nuvole sotto di te, bianche e morbide!

La tua testimonianza. Un altro punto importante su cui bisogna riflettere è che cosa è successo agli altri uomini che erano nella barca (hai dimenticato che c’erano altri discepoli, che non sono usciti dalla barca?) La Parola dice: “Allora quelli che erano nella barca si prostrarono davanti a lui, dicendo: «Veramente tu sei Figlio di Dio!»” (Matteo 14:33). Sei disposta a permettere a Dio di usarti per mostrare la sua bontà, la sua misericordia, la sua protezione, e per avvicinare altri a Lui? C'è un grande premio! Questo significa evangelizzare. Altre persone verranno da te, quando affronteranno dei problemi, perché hanno visto la pace che tu hai mostrato in mezzo alle circostanze avverse.


Vincere

Il vento si calmò. “E, quando furono saliti sulla barca, il vento si calmò” (Matteo 14:32). La tua battaglia non durerà in eterno. Era necessario che Pietro attraversasse questa prova per poter essere fortificato e  diventare così la “pietra” di cui Gesù aveva parlato (Matteo16:18). Satana (e altri che lavorano per lui) ti diranno che la tua prova non finirà, a meno che tu decida di tirarti indietro, di arrenderti o che tu dia la battaglia come persa.

Dio non ha mai pensato di lasciarci “nella valle dell’ombra della morte”. Il Salmo 23 dice che noi “camminiamo nella valle dell’ombra della morte”. Satana desidera farci credere che invece Dio vuole che noi viviamo in questa valle! Lui vuole dipingere ai nostri occhi un’immagine senza speranza! Dio è la nostra speranza, e la nostra speranza è la fede nella sua Parola che è stata piantata nei nostri cuori.


Fede

Abramo. Un secondo esempio da considerare è Abramo, che a novantanni ancora non aveva avuto il figlio che Dio gli aveva promesso. La Parola dice: “Contro speranza” (Romani 4:18). Non è questa una cosa buona? Anche quando non c’era più alcuna speranza, lui continuò a credere in Dio, sperando nella Parola che gli era stata data. Noi dobbiamo fare lo stesso.

Agisci secondo la fede che hai. “Gesù rispose loro: «A causa della vostra poca fede; perché in verità io vi dico: se avete fede quanto un granello di senape, potrete dire a questo monte: “Passa da qui a là”, e passerà; e niente vi sarà impossibile»” (Matteo 17:20).

Se ti manca fede. Se ti manca la fede, devi chiederla a Dio. C'è una battaglia da combattere anche per la nostra fede. “Combatti il buon combattimento della fede […]” (1 Timoteo 6 12). “Ho combattuto il buon combattimento, ho finito la corsa, ho conservato la fede” (2 Timoteo 4:7).

“E non vi poté fare alcuna opera potente, ad eccezione di pochi malati a cui impose le mani e li guarì. E si meravigliava della loro incredulità” (Marco 6:5-6). Quando il Signore imporrà le sue mani su di te e sul tuo matrimonio, si meraviglierà della tua incredulità?

Imitatori della fede. Noi dobbiamo imitare coloro che nella Scrittura mostrarono la loro fede (tu puoi trovare il modello della fede in Ebrei capitolo 11). Abbiamo bisogno di agire restando fermi nelle promesse di Dio. “[...] Ma siate imitatori di quelli che per fede e pazienza ereditano le promesse” (Ebrei 6:12).

Ci sono donne che, seguendo i principi esposti in questo libro, hanno ottenuto la vittoria nel loro matrimonio, quando questo aveva seri problemi o era addirittura distrutto. Le loro testimonianze incoraggeranno la tua fede. Come dice una canzone: “Ciò che Lui ha fatto con altri, lo farà anche con te!”


Il dubbio distrugge

Indecisa o dubbiosa. Tu non devi esse indecisa. La tua mente non può altalenare o dubitare di Dio. “Ma la chieda con fede, senza dubitare; perché chi dubita rassomiglia a un’onda del mare, agitata dal vento e spinta qua e là. Un tale uomo non pensi di ricevere qualcosa dal Signore, perché è di animo doppio, instabile in tutte le sue vie” (Giacomo 1:6-8). “Io detesto gli uomini non sinceri, ma amo la tua legge” (Salmi 119:113).

Se tu hai problemi d’incertezza, hai bisogno di leggere e meditare la Parola di Dio, che è l’unica verità! Tu DEVI soprattutto allontanarti da QUALSIASI PERSONA  che ti dice cose in contrasto con il tuo desiderio di restaurare il tuo matrimonio.

Devi sempre dire a tutti la “verità” su ciò che tu credi: Dio può restaurare il tuo matrimonio e tu desideri  che Lui lo faccia.

Fede senza opere. “Anzi uno piuttosto dirà: «Tu hai fede, e io ho le opere, mostrami la tua fede senza le tue opere, e io con le mie opere ti mostrerò la mia fede». Tu credi che c’è un solo Dio, e fai bene; anche i demoni lo credono e tremano” (Giacomo 2:18–19).

Dimostra agli altri che tu hai fede con le tue opere. Se tu credi che tuo marito tornerà a casa, agisci di conseguenza. Lascia il lato dell'armadio dove erano le sue cose vuoto, il lato del letto dove dormiva vuoto, i suoi cassetti vuoti e ASSICURATI di portare la fede matrimoniale! “[...] Vuoi renderti conto che la fede senza le opere non ha valore?” (Giacomo 2:20). Se credi realmente che ciò che tu stai chiedendo in preghiera accadrà, incomincia già da ora a comportarti come se questo fosse avvenuto! Non anticipare Dio. Non cambiare casa. Non comprare una casa nuova pensando di abitarci con tuo marito quando lui tornerà. Invece, aspetta da questo lato del Giordano. Non entrare nella Terra Promessa senza tuo marito!

Ferma nella tua fede. Ricordati  di tutti coloro che hanno vinto, ricevendo la vita abbondante che Dio   aveva promesso.“Resistetegli stando fermi nella fede, sapendo che le medesime sofferenze affliggono i vostri fratelli sparsi per il mondo” (1 Pietro 5:9).

Leggi e rileggi, ancora se necessario, le testimonianze riportate nelle nostre pagine internet, affinché tu possa  ricordarti di quanti si sono sottomessi a Dio, senza mollare. Stampa queste pagine e distribuiscile anche  ai tuoi familiari e agli amici che dubitano che il tuo matrimonio possa essere salvato, o che tuo marito possa essere trasformato da Dio.

Come fare crescere la tua fede. Cerca e leggi nella Bibbia le storie che narrano di situazioni difficili, e confronta la tua situazione con la loro. Leggi come Gesù calmò le onde del mare,  e conoscerai così la sua grande potenza (Marco 4:39). Dopo leggi come Lui sfamò cinquemila persone con cinque pani e due piccoli pesci, e cosi comprenderai che Lui può fare molto con poco (Giovanni 6:1-15). Leggi come Gesù purificò i lebbrosi (Luca 17:11-17), guarì i malati, apri gli occhi ai cechi (Giovanni 9:1-41) , e perdonò la donna adultera (Giovanni 8:3-11), affinché tu non debba mai dubitare della sua misericordia verso di te e la tua situazione. Di nuovo ti ripeto, leggi le testimonianze di matrimoni restaurati scritte nelle nostre pagine internet. Quindi, CREDI che il tuo si aggiungerà ad essi!.

La Parola. In che modo riusciamo ad avere fede, o come possiamo aumentare la nostra fede? “Cosi che la fede viene da ciò che si ascolta, e ciò che si ascolta viene dalla parola di Cristo” (Romani 10:17).

Leggi la sua Parola e anche le testimonianze di altre persone. Circondati di donne fedeli, che credono nella decisione che tu hai preso. Quelle che a loro volta sono state ferme in Dio ti aiuteranno e ti sosterranno. Nel nostro ministero abbiamo compreso che, quando ti rendi conto di non avere più fede, devi condividere quella poca fede che hai con altri. Se tu senti che qualcuno ha bisogno di essere incoraggiato, chiamalo e dà a questa persona tutto ciò che resta della tua fede. Dopo che avrai parlato con lei sarai felice, perché, mentre tu dai ad altri, Dio riempirà te  nuovamente di fede. Leggi 1 Re17:12-15 e ti ricorderai della vedova che dette la sua ultima focaccia ad Elia e il miracolo che ricevette!

Molti vengono da noi chiedendo aiuto, ma non ricevono la restaurazione del proprio matrimonio perché non  si reputano capaci di poter seminare nella vita di altre persone, mentre stanno combattendo per la salvezza del loro matrimonio. Tutto ciò non è biblico, anzi è totalmente contrario ai principi di Dio. Cerca  una compagna che tu puoi incoraggiare e aiutare nella restaurazione del suo matrimonio. Se senti di avere questa chiamata è importante che tu segua un corso di incoraggiamento, in chiesa o anche a casa tua. Dio si usò di me e di altre donne in modo potente, facendoci incoraggiare altre, mentre noi stesse soffrivamo ed eravamo private, di molte cose e Dio ha benedetto i nostri sforzi restaurando i nostri matrimoni!

Ubbidienza. Non dimenticare che, per poter ottenere la vittoria, è indispensabile che tu ubbidisca a Dio. Non dimenticare che Gesù ha detto: “Non chiunque mi dice: «Signore, Signore!» entrerà nel regno dei cieli, ma chi fa la volontà del Padre mio che è nei cieli. [...] Allora dichiarerò loro: «Io non vi ho mai conosciuti;ALLONTANATEVI DA ME, MALFATTORI!»” (Matteo 7:21,23).

Se tu continui a comportarti in un modo che sai essere contrario ai principi biblici esposti in questo libro, il tuo matrimonio non sarà restaurato!

Nella volontà di Dio. Se il tuo cuore ti condanna, facendoti sentire che non stai camminando nella volontà di Dio e non seguendo i suoi principi (attraverso questo libro), allora sicuramente tu non avrai né fiducia né fede per poter ricevere da Dio risposta alle tue richieste. Chiedi a Dio di “spezzarti”, ossia di annullare il tuo io, affinché la tua volontà possa essere la sua volontà.


Tu DEVI aspettare

Aspetta. Molte volte la battaglia infurierà ancora di più contro di te. Tu devi anche ricordare che, in questa guerra che è scoppiata contro il tuo  tuo matrimonio, ci sono “battaglie” che devi combattere (e vincere). Soltanto ricorda: “Quando la battaglia è del Signore, la vittoria è nostra!”

Come succede nelle vere guerre, non tutte le battaglie sono vinte dalle stesse truppe, quindi non essere delusa se hai commesso degli errori. Abbiamo la consolazione di sapere che Lui ci ascolta subito, ma può sembrare che la risposta ritardi.

Nel libro di Daniele, leggiamo che un angelo gli parlò, e questo ci dà delle grandi rivelazioni: “Non temere Daniele, poiché dal primo giorno che ti mettesti in cuore di capire e d’umiliarti davanti al tuo Dio, le tue parole sono state udite e io sono venuto a motivo delle tue parole. Ma il capo del regno di Persia m’ha resistito [...]” (Daniele 10:12–13). Potrebbe anche trascorrere molto tempo prima che tu riesca a vincere una battaglia, ma non disperare. “ Quanto a voi fratelli, non vi stancate di fare il bene” (2 Tessalonicesi 3:13).

Nel Suo tempo. Una cosa molto importante, che tu devi capire, è che Dio sembra lavorare in UNA cosa alla volta. Dobbiamo lavorare con Lui nel suo tempo. Questo significa che abbiamo bisogno di aspettare che Dio cambi la situazione nel tempo giusto. Grazie siano rese a Dio che scarica su di me (attraverso il pentimento) tutti i miei peccati una volta sola! Usa questo tempo di attesa per pregare.

Nota: Se tu ancora sei irritata per ciò che tuo marito dice, fa, o non fa (o peggio ancora sei arrabbiata), la rabbia è la condizione di un cuore carnale, e si manifesta nelle prove.

Compromesso personale: permettere a Dio di cambiarti. “Riguardo a ciò che ho imparato nella Parola di Dio, mi impegno a cercare Dio e la sua Parola, per far crescere la mia fede nella sua capacità di restaurare il mio matrimonio. Combatterò la paura fissando i miei occhi su Gesù, autore e compitore della mia fede”


Data: ___________ Firma: ______________________


Capitolo 4 Prove Diverse